C’è il sole. Il cielo è azzurro, azzurro intenso. Penso sia una giornata meravigliosa!

Alla stazione dei bus di Selfoss arriva lo “small bus”: un furgoncino attrezzato con sedili e finestrini, con un piccolo rimorchio dove andiamo a caricare i nostri zaini.

 


Se vuoi leggere l’articolo precedente “Viaggio in Islanda – parte 1: Keflavik, Reykjavik e la scelta dell’itinerario” clicca QUI >> LEGGI >>


Il Golden Circle è un insieme di attrazioni naturalistiche situato in un’area non molto distante da Reykjavik. Tre sono i siti di interesse: Geysir, un parco geotermico dove esplodono geyser e ribollono piscinette di acqua termale; Gullfoss, la più spettacolare delle cascate islandesi e il parco nazionale di Pingvellir. Se non siete tanto amanti dell’avventura da intraprendere un viaggio “zaino in spalla” per i campeggi d’Islanda, esistono diverse escursioni giornaliere che, partendo da Reykjavik, permettono di visitare questi luoghi.

Partiamo per Geysir: l’autobus si ferma davanti ad un piccolo parco dove si vedono risalire vapori e getti d’acqua.

Entriamo, e lungo il percorso incontriamo tanti geyser, più o meno grandi, che emanano vapori sulfurei; uno, il più grande, esplode periodicamente spruzzando un enorme getto d’acqua bollente verso il cielo.

Proseguiamo il viaggio, mentre il paesaggio comincia a diventare più verde, verso la seconda fermata: Gullfoss, letteralmente la cascata d’oro.

E’ bellissima, grande e imponente; si snoda lungo diversi salti, abbastanza profondi, in cui l’acqua viene risucchiata dalla roccia e poi sbattuta nuovamente fuori con violenza, tanto che in alcuni punti vieni bagnato come fosse pioggia.

Il nostro viaggio prosegue, ed entriamo in una regione desertica tra i due ghiacciai Langjökull e Hofsjökull. Il paesaggio è sconvolgente, un po’ inquietante: distese di montagne e di niente tagliate da una piccola stradina sterrata che si inonda di polvere al passaggio dell’autobus e di qualche rara automobile.

Arriviamo alla fermata di Kerlingafjöll, dove c’è una struttura con alcune casette in legno dal tetto talmente a punta che sembrano triangolari, e uno spazio per campeggiare.

Decidiamo di passare qui il resto della giornata e la notte. Il paesaggio è mozzafiato: un fiume argentato scorre tra le montagne innevate del ghiacciaio.

Kerlingafjöll è un massiccio montuoso situato al centro dell’Islanda. Con una combinazione incredibile di fenomeni geotermici, ghiacciai, spettacolari formazioni geologiche e una inaspettata flora subartica è sicuramente un luogo di grande fascino. Un trekking di tre giorni si snoda intorno alle montagne, ed è reso accessibile da numerosi rifugi posti lungo il percorso.

BACKSTAGE


Se vuoi leggere l’articolo successivo “Viaggio in Islanda – parte 3: Hveravellir, il rumore del nulla” clicca QUI >>LEGGI>>