"La più bella città tra quelle abitate dai mortali": la descrisse così il poeta greco Pindaro. Fondata nel 582 a.C con il nome di Akragas nell' epoca del suo splendore la poleis fu una delle più importanti città della magna grecia, uno dei centri propulsori della cultura ellenica nel Mediterraneo, nonché la quarta città più popolosa del mondo, con circa 200.000 abitanti.

Quando arrivi a Urbino hai la sensazione di entrare in un città finita e perfetta, di varcare la soglia di un nucleo completo e armonioso, abbracciato dal maestoso Palazzo Ducale che ti accoglie con elegante imponenza e quella fierezza di chi è consapevole del tesoro che racchiude.

La tradizione cristiana vuole che nell'anno 813 un eremita di nome Pelagio a Muxia, venisse attirato da alcune strane luci a forma di stella. Interessato dall'insolito fenomeno, scoprì in quel luogo, il Campo di Stelle (dal lat. Campus Stellae – Compostela), una tomba che conteneva tre corpi, uno dei quali aveva la testa mozzata ed una scritta: "Qui giace Jacobus, figlio di Zebedeo e Salomé". Fu ordinata allora la costruzione, in quel posto, di un tempio dove i monaci benedettini nell'893 fissarono la loro residenza. Iniziarono così i primi pellegrinaggi alla tomba dell'apostolo.

Il pellegrinaggio del Cammino di Santiago è per l’UNESCO, Patrimonio dell'Umanità dal 1985.

Quando si racconta “ho fatto il Cammino di Santiago”, chi non lo conosce si limita ad ascoltarti; chi è stato Pellegrino a sua volta, di solito chiede “quale hai fatto? L’hai fatto tutto? Da dove sei partito?” Si perché, in realtà, i percorsi per arrivare a Santiago de Compostela sono tanti: c’è il più famoso Cammino Francese, c’è il Cammino Portoghese, il Cammino Inglese, quello del Nord, il Primitivo, quello del Sud-Est e la Rotta del Mare; quale fare?

Quando ti trovi in un posto dove la natura ha colorato delle dolci e morbide colline d’oro e di verde e poi l'uomo ne ha fatto campi di grano, orzo e frumento, quando sei in mezzo a pesanti montagne di argilla bianca che si sgretolano sotto il peso del tempo, della pioggia e del vento, quando sopra hai un cielo azzurro pieno di nuvole bianche e intorno a te macchie gialle di ginestre, qualche paese lontano che si plasma dalla roccia, allora puoi sentirti in Basilicata, in quella Basilicata autentica, dove il tempo non si è fermato, ma semplicemente rallenta;

Spesso sottovalutata, la Corsica è una meta estiva ideale per chi ama la natura, il mare, la montagna, le escursioni, i tour on the road…insomma, è capace di accontentare un po’ tutti. Con le sue spiagge strepitose, la sua pace, i suoi alberi di castagno e i suoi borghi che sembrano essere usciti da un libro di illustrazioni, la Corsica è un’isola meravigliosa, capace di coccolarti con la sua luce dolce e di farti apprezzare il tempo che scorre lento.

Viaggi a Tema

logo-footer-vii.png
Tutte le fotografie che trovi all’interno di questo sito sono protette da copyright. Ogni immagine è il frutto di impegno, lavoro, e ricerca. Per favore, non utilizzare le immagini senza citarne la fonte: puoi condividerle sui social network, sul tuo blog o sul tuo sito senza togliere il watermark e inserendo un link a questo sito. Diversamente, se ti interessano delle immagini per altri scopi, ti preghiamo di contattarci via mail all’indirizzo redazione@vivereininfradito.com.

CONTATTI

Cosa stai cercando?